MENU

Come Progettare la Zona Giorno

tomasella-living-arredare-garfagnana-lucca

La zona giorno è il “biglietto da visita” della casa, il fulcro della vita familiare ed il luogo della convivialità quando dobbiamo accogliere ospiti. La zona giorno viene comunemente chiamata living, dal verbo inglese live, che testualmente significa vivere, vivere lo spazio della casa che maggiormente adoperiamo durante il giorno. Le ultime tendenze abitative sono di fare un unico ambiente che comprenda anche la cucina per far sì che quando prepariamo le pietanze o svolgiamo le faccende domestiche si possa dialogare con il resto dei familiari; per questi motivi, industrie come Veneta Cucine (la nostra azienda di riferimento nel campo della produzione di cucine) hanno sviluppato il sistema living in modo da dare profondità espressiva non solo alla cucina ma anche alla zona giorno per formare uno spazio che abbia le stesse scelte progettuali e di utilizzo di materiali.

Prima di progettare il living bisogna considerare le dimensioni e la luce dell’ ambiente, pensare poi all’ aspetto funzionale e di praticità che deve avere ed analizzare infine le esigenze ed i bisogni che dobbiamo risolvere: consigliamo di rivolgersi ad arredatori o a professionisti dell’ arredamento che conoscono materiali, prodotti e soluzioni per ogni necessità dei loro clienti.

Ciò che proprio non deve mancare in ogni zona giorno che si rispetti è il divano, divano che non è più il luogo per accogliere gli ospiti ma è lo spazio del living che viene vissuto quotidianamente dalla famiglia; per questo i sofà proposti oggi hanno forma classica o moderna (a seconda del gusto personale) con una componibilità infinita: singoli divani, divani componibili, chaise-longue, angoli stondati o squadrati, dormose, terminali a trapezio o in altre forme, e, cosa più importante, hanno la possibilità di inserimento di elementi seduta con relax elettrico pensati per offrire il comfort ideale per guardare la Tv o il cellulare, leggere un buon libro o rilassarsi. Accanto o di fronte al divano è buona norma collocare il tavolo da fumo dove poter posizionare ad esempio il telecomando della tv o il cellulare, tavolo da fumo da utilizzare come appoggio di servizio quando abbiamo ospiti.

Naturalmente pensando sempre alla dimensione degli spazi che abbiamo a disposizione nel soggiorno, suggeriamo di realizzare una parete attrezzata che può essere creata partendo dai singoli contenitori dove collocare la televisione, fino ad arrivare ai grandi mobili componibili idonei a collocare tutte le cose da riporre, come libri, foto, bicchieri, impianto audio ed altro.

Raccomandiamo di inserire nel proprio living almeno una pianta, sia perchè  il verde riscalda gli ambienti dando un tocco di freschezza, ma anche perchè talune piante, come ad esempio l’ Aloe Vera ed il Caucciù, assorbono le sostanze inquinanti presenti nell’ aria migliorando la qualità della vita.

Anche la colorazione della zona giorno assume un aspetto fondamentale: se amiamo i contrasti e le tinte forti, una soluzione potrebbe essere quella di creare una parete d’ accento, ovvero una parete dipinta con colori che contrastino con il resto della stanza, questo per evidenziare un elemento architettonico particolare o l’ arredo più importante del living, ma anche per ridare proporzione ad un ambiente lungo e stretto. Il colore che adoperiamo per la parete deve essere poi ripreso all’ interno della stanza con complementi d’ arredo, quadri, tappeti, tende, cuscini e decori. Se invece il nostro senso estetico sulla colorazione delle pareti è meno d’ impatto, consigliamo di optare per un effetto tono su tono, in modo da ottenere una personalizzazione del proprio ambiente senza ricorrere a colori troppo violenti che non si addicono al gusto personale. Prima di scegliere il colore da utilizzare suggeriamo di considerare la luce naturale che entra nel soggiorno, se ce ne è in abbondanza potete osare per delle scelte cromatiche più audaci, ma se così non fosse, ed in presenza di un ambiente piccolo, la scelta da fare è quella di pareti dai colori chiari.

L’ alternativa alla tinteggiatura è rappresentata dalla carta da parati. Le carte da parati oggi sono prodotte in innumerevoli tipologie: motivi floreali, geometrici, effetti materici, immagini astratte, artistiche, futuristiche; una gamma completa adatta a soddisfare qualsiasi immaginazione creativa. Proprio per questa duttilità: arredatori, interior design e architetti sempre di più consigliano di adoperare la carta per valorizzare e personalizzare il living.

Concludendo, la cosa che maggiormente raccomandiamo è di arredare la zona giorno pensando soprattutto alle esigenze di tutta la famiglia che abitualmente abita la casa, avendo però l’ accuratezza di togliere di vista il superfluo, sia per aumentare visivamente gli spazi, sia per rendere l’ ambiente accogliente in caso di presenza di ospiti.